Parliamo con Marcella, la “Mamma Mongolfiera”

di Andreas Hofer

«La mongolfiera lascia che [i figli] se la cavino senza telefonino almeno fino ai 14 anni, non li seppellisce da piccoli sotto strati di vestiti e da grandi di raccomandazioni…» La sfida è trovare la giusta distanza da tenere con i figli per lasciare che trovino la propria strada nel mondo e spicchino il volo. Continua a leggere “Parliamo con Marcella, la “Mamma Mongolfiera””

Le nuove lettere di Berlicche

copertina
di Andreas Hofer

Un caro amico vicentino — Giuseppe Signorin, che assieme alla moglie Anita ha fondato la wedding band Mienmiuaif, con tanto di canale youtube e di blog di supporto — a luglio dell’anno scorso mi ha coinvolto in un nuovo progetto editoriale.
Si pensava a una nuova collana che avesse come temi principali l’umorismo, la vita di coppia, Dio. Il primo libro pubblicato, Osservazioni di una mamma qualunque della bravissima Paola Belletti, è uscito a novembre.
Ora tocca a me con Le nuove lettere di Berlicche, dove ho in parte ripreso due post ospitati su questo blog (vedi qui e qui). Continua a leggere “Le nuove lettere di Berlicche”

Scienza padrona

sheentime

La superstizione del Progresso si impone nelle classi scolastiche. Questa superstizione confonde l’avanzamento meccanico con un miglioramento morale. Il progresso nelle ‘cose’ non è necessariamente un progresso nelle ‘persone’. Gli aeroplani andranno più veloci, ma l’uomo non diventa necessariamente più felice. Il progresso in campo medico non è necessariamente un progresso in campo etico. Il tempo non funziona sempre in favore di un miglioramento umano; poiché l’uomo è malato, il tempo non lo fa necessariamente stare meglio. Fino a quando il male non viene corretto, il tempo opera in favore della malattia, del decadimento e della morte. Continua a leggere “Scienza padrona”

Le caramelle di Dio

images

di Costanza Miriano

Passate le feste, qui in casa nostra è tutta una questione di rientrare in carreggiata, e la questione richiede un bel po’ di tempo. Ci vuole un po’ per ricominciare ad andare a letto a orari decenti, alzarsi senza l’argano e arrivare a scuola possibilmente in un orario approssimativamente e vagamente vicino a quello della campanella.

Continua a leggere “Le caramelle di Dio”

Il volo dell’aquilone

VF01

Un aquilone volteggiava felice nel cielo, tenuto stretto dalla lenza nella mano di un bambino divertito che correva sulla terra… volava in alto, così in alto che quasi spariva inghiottito nell’immenso cielo blu, poteva godere di una vista panoramica invidiabile, sentire il vento, accarezzare le nuvole, gareggiare con le rondini, bagnarsi di colore in un arcobaleno…
Ma un giorno vide un aereo acrobata, molto probabilmente un professionista, coloratissimo, molto più veloce di tanti uccelli con cui aveva gareggiato… lo vide fare delle evoluzioni da urlo, raggiungere vette inimmaginabili …

Continua a leggere “Il volo dell’aquilone”

L’Attrezzista

01

di Andrea Torquato Giovanoli 

In un frangente abbastanza ampio della mia vita professionale ho avuto la grazia di poter esercitare il mestiere di artigiano, e fin dai primi giorni d’apprendistato mi risolsi a constatare come tra le varie competenze richieste dal lavoro manuale vi è non solo quella di saper usare degli attrezzi, ma soprattutto quella di saperli modificare adattandoli di volta in volta alle particolarità dell’oggetto che si sta producendo. Continua a leggere “L’Attrezzista”

Rahamìm: il grande utero

universo1

di Gerardo Ferrara

In ebraico e in altre lingue semitiche, come l’arabo e l’aramaico, la misericordia di Dio si esprime con la radice r-h-m, da cui il termine ebraico rahamim, plurale o accrescitivo di rehem, utero, seno materno. Sempre in questa lingua, quindi, misericordia ha il significato di “uteri”, al plurale, o meglio ancora di “grande utero”, un’unione infinita di tanti seni materni.

Continua a leggere “Rahamìm: il grande utero”