Trovare Dio nelle cose della vita che ci fanno fare fatica

MONASTERO  WIFI – MILANO    1 GIUGNO 2019

di Don Vincent Nagle

 Oggi si festeggia  la memoria di san Giustino martire. Lo dico perché è così, ma anche perché c’è una storia tra me e questo martire.

Sono stato battezzato da piccolo, ma non sono cresciuto in un ambiente cristiano, tanto meno cattolico. Sono cresciuto in una comunità dei figli dei fiori, dove era arrivata la mia famiglia che vi si era trasferita, vivendo lontani da questioni come Cristo, salvezza e simili.

Continua a leggere “Trovare Dio nelle cose della vita che ci fanno fare fatica”

Orgoglio di cosa?

di Costanza Miriano

Adesso, a prescindere dal tipo di inclinazione sessuale – solo per un momento, facciamo finta che esista qualcosa di diverso dal sesso, maschio e femmina – a me pare che organizzare delle parate per celebrare l’orgoglio della propria inclinazione sia davvero surreale. Uno è orgoglioso perché ha fatto qualcosa di grande, qualcosa che non tutti fanno, o almeno non automaticamente.

Continua a leggere “Orgoglio di cosa?”

Elogio dell’imperfezione

di Matteo Brogi

Tottò. Maria Elena al telefono risponde così. Tottò sta per pronto. Maria Elena ha un disturbo del linguaggio, nel suo caso legato a un difetto genetico. Maria Elena è una bambina con la sindrome di Down. Trisomia 21 in linguaggio scientifico. La più diffusa anomalia genetica, coinvolge un bambino ogni 1.100 concepiti.

Nei confronti dei deficit genetici la scienza ha fatto passi enormi. Ha elaborato tecniche finissime di diagnosi prenatale per identificarli ancora nell’utero della mamma. E provvedere all’eliminazione dei feti imperfetti. Prima che sia troppo tardi, che la legge proibisca l’aborto o la nascita condanni i genitori al “servizio” di un figlio disabile. Si chiama aborto selettivo. Ma non ha trovato una cura. I bambini come Maria Elena di solito non nascono.

Continua a leggere “Elogio dell’imperfezione”

Liberi dalla paura

Carissimi monaci Wi-Fi, forse non sapete che l’incontro del 19 gennaio è stato possibile – in una misura che non posso raccontare pubblicamente – grazie a don Pierangelo Pedretti, che mi aveva avvicinato inizialmente per chiedermi di aiutarlo a far conoscere David Buggi ai giovani. Io ho preso sul serio questa proposta, e gli ho già chiesto molte cose, e sto vedendo come David lavora dal cielo per i giovani in particolar modo (ma non solo). Da allora lo prego tutti i giorni, e lo considero un protettore del monastero wi-fi (a proposito, per iscrivervi o chiedere informazioni, la nuova mail, visto che la vecchia risultava piena, è monasterowifi@gmail.com).

Continua a leggere “Liberi dalla paura”

La dolce morte non esiste

di Giacomo Bertoni

Lavoro, palestra, apericena, casa, vacanza. Finalmente siamo liberi. Finalmente la nostra vita è veramente nelle nostre mani. Quali altre generazioni, fra quelle che ci hanno preceduti, hanno avuto a disposizione la stessa nostra libertà, unita alla stessa generosità di risorse che caratterizza il nostro tempo? Non possiamo solo sognare un lavoro di successo, possiamo anche provare a ottenerlo. E se non arriva in Italia, arriverà magari in un altro Paese.

Continua a leggere “La dolce morte non esiste”

Ripasso e compiti per le vacanze del #monasteroWiFiu

di Costanza Miriano

“Ma come si fa a iscriversi al monastero wi-fi”?

Siccome ancora continua ad arrivarci qualche domanda come questa, forse può essere il momento per un veloce ripasso, prima di assegnarci i compiti per le vacanze, alla fine dell’anno scolastico, che non è la fine dell’anno liturgico e neanche di quello solare, ma è comunque un cambio di vita per tanti di noi.

Allora, partiamo dai fondamentali: l’idea di vederci con un gruppo di amiche per pregare insieme, è venuta all’ormai famigerata bionda genovese, Monica, al grido di “così veniamo noi, e tu non ti stanchi”, che poi rimarranno le ultime parole famose (alla fine ci siamo stancate tutte tantissimo, e io non ho affatto smesso di viaggiare, ma non importa).

Continua a leggere “Ripasso e compiti per le vacanze del #monasteroWiFiu”

Amare oltre misura non può essere un dovere stabilito per legge

Pentecoste di Duccio di Buoninsegna

di Costanza Miriano

Sono circa due anni che scrivo questo articolo. Lo scrivo, lo sottopongo a mio marito, a qualche amico, ne parlo con qualche sacerdote, poi lo butto. E sì che di solito scrivo senza quasi rileggere, per il mio blog. Ma qui siamo su un campo minato. Qualunque cosa si dica su questo tema viene letta subito in chiave politica, o meglio partitica, che è quanto di più lontano dal mio intento.

In attesa di andare a messa per celebrare la Pentecoste e chiedere lo Spirito Santo, ci riprovo.

Continua a leggere “Amare oltre misura non può essere un dovere stabilito per legge”