Archivio dell'autore

18 febbraio 2017

Les Pré-personnes

di admin @CostanzaMBlog

Il y a quelques jours que, pendant le débat à propos de la “légitimité” de considerer l’embryon une personnne, un commentateur du blog, un médecin qui travaille en thérapie intensive néonatale, avait fait allusion à un conte de science-fiction. Nous ne publieront pas ce conte (il est possible de le lire ICI ), mais seulement l’article.

Umberto Folena

«Walter était en train de jouer à cache-cache quand il vit le fourgon blanc au-delà du bosquet de cyprès, et il comprit tout de suite ce qu’il était. Il pensa: “Il est le fourgon blanc de l’avortement. Il est venu pour prendre quelques enfants pour un avortement après l’accouchement. Peut-être” il pensa “mes parents l’ont appelé. Pour moi”». C’est le commencement horrifiant du conte The Pre-Persons (Les Pré-personnes) écrit pendant le décembre du 1973 par… par qui? Par un fanatique pro-life? Par un rétrograde néo-nazi?

16 febbraio 2017

Conosco Uno che può salvarti la vita

di admin @CostanzaMBlog

Dopo i recenti fatti di Lavagna riproponiamo questa lettera di Eleonora pubblicata quasi un anno fa.

il blog di Costanza Miriano

Devin Leonardi Two Friends on the Shore of Long Island, 2009 Acrylic on paper Devin Leonardi
Two Friends on the Shore of Long Island, 2009
Acrylic on paper

di Eleonora Barberio

Caro amico mio,
dovrei studiare greco e ripassare fisica in questo momento, ma penso che sia più importante scriverti qualche parola. Vedo nei tuoi occhi tante domande senza risposta, una rabbia soffocante, un desiderio incredibile di amore e tanti tanti dubbi. Più volte mi hai detto di essere stufo dei soliti discorsi sempre più banali del genere “il latino e il greco aprono la mente” o sul “bisogna rispettare tutti indistintamente dal colore della pelle, religione, lingua e bla bla bla”. Come darti torto, ti capisco bene.

View original post 902 altre parole

15 febbraio 2017

Se il romanziere erotico vuole proibire la pornografia

di admin @CostanzaMBlog

Breviarium

Questa storia della pornografia sta prendendo una piega imprevista (e impressionante): sembrava un vizietto da niente, di cui neanche vale la pena parlare, e invece ogni giorno qui viene fuori qualche psicologo, qualche sessuologa, a dire che le cose non stanno esattamente così.

View original post 1.282 altre parole

15 febbraio 2017

Mondo vado

di admin @CostanzaMBlog

16298639_10209822199246461_7117258889832056960_n

Il personaggio del manifesto è a un bivio. Indeciso. Dove andare? Per molti scegliere è così doloroso da preferire quasi la paralisi. Si fermano morendo di fame. Se non vi ricordate dai vostri studi dell’asino di Buridano cercate e vedrete chi è (https://it.wikipedia.org/wiki/Asino_di_Buridano).
Il prossimo Passo è tutto dedicato allo scegliere, ai criteri della scelta, alla sua necessità e alla sua dolorosità, ai consiglieri e alla solitudine nel momento dello scegliere.
Vi aspettiamo Venerdì 17 Febbraio 2017, presso la Chiesa di Santa Maria in Vallicella (Chiesa Nuova) in Piazza della Chiesa Nuova alle ore 21.00

9 febbraio 2017

E se le donne non volessero essere preti?

di admin @CostanzaMBlog

IMG_1411

di Costanza Miriano

Secondo la Civiltà Cattolica – che confesso di non leggere, ma che è citata  testualmente dal sito del Timone (che a sua volta riprende il blog di Sandro Magister) – il discorso dell’apertura del sacerdozio alle donne non è chiuso. A dire la verità, come ricorda Magister, Papa Francesco è stato molto chiaro in merito: “Sull’ordinazione di donne nella Chiesa cattolica l’ultima parola chiara è stata data da Giovanni Paolo II, e questa rimane”. Ma la rivista dei gesuiti riapre la questione, anche se GPII aveva affermato chiaramente che la Chiesa non ha facoltà di conferire l’ordinazione sacerdotale alle donne, e che “questa sentenza deve essere tenuta in modo definitivo da tutti i fedeli della Chiesa”.

Ora, io non sono minimamente in grado di entrare nella disputa teologica e sacramentale, però mi sento almeno un po’ chiamata in causa, innanzitutto come donna cattolica, e poi anche come donna che ha provato a ragionare e scrivere del ruolo femminile nel mondo e nella Chiesa, e ha incontrato e conosciuto tante, tante sorelle di cammino.

7 febbraio 2017

«L’epoca dell’aborto sta passando». Intervista con Thérèse Hargot

di admin @CostanzaMBlog

therese-hargot

ARTICOLO TRATTO DAL LA CROCE 

intervista di Giovanni Marcotullio

 Thérèse, ho letto sulla stampa francese che quella di una decina di giorni fa potrebbe essere l’ultima Marcia per la Vita che abbia avuto luogo in Francia. Nel tuo libro hai definito l’aborto “Servizio clienti della contraccezione”. Non pensi che Una gioventù sessualmente liberata (o quasi) possa presto finire all’Indice?

No, non ho avuto proteste particolari, per il mio capitolo sull’aborto. I media hanno parlato molto poco di questo capitolo, è passato liscio come l’olio perché non ho mai scritto “sono contro l’aborto”. Ho scelto di non pronunciarmi “pro o contro” perché ho 32 anni e sono nata con il diritto all’aborto.

5 febbraio 2017

Sotto il Cielo della Palestina

di admin @CostanzaMBlog

giorgio_ponte_levi

di Claudia Cirami  per La Croce

“Levi. Sotto il Cielo della Palestina: 1” è l’ultima fatica di Giorgio Ponte, scrittore già noto per “Io sto con Marta”. Ci troviamo, però, davanti ad un libro totalmente differente dal primo, che non mancherà – tuttavia – di convincere (e avvincere) il lettore. Ponte ha rilevanti qualità da narratore, dotato com’è di uno sguardo carezzevole e penetrante che sa leggere dentro la complessità dell’animo e poi ricreare – all’interno della pagina scritta – il sentire dei personaggi, con un’attenzione particolare anche per sfumature che al lettore possono apparire non degne di nota (e che, al contrario, regalano ulteriore spessore e credibilità alla trama e ai personaggi).

1 febbraio 2017

Parole come coltelli.

di admin @CostanzaMBlog

paolabelletti

Una femminista della prima ora difende le differenze uomo-donna

allattamento-seno-590x442

Julie Bindel è piuttosto arrabbiata.

Julie Bindel è una giornalista freelance britannica. È una scrittrice.  Julie Bindel è una femminista della prima ora. Attivista per i diritti delle donne. In difesa delle donne. Ha co-fondato il gruppo Justice for Woman.

Ha all’attivo studi e ricerche sui temi della violenza sessuale, del turismo sessuale, della prostituzione, dello sfruttamento umano. Ha combattuto per i diritti delle persone lesbiche, per l’uguaglianza di genere, per il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Julie è lesbica dichiarata.

Ed è accusata di odio trans fobico. Anzi, di avere ingaggiato una vera e propria crociata, sebbene solitaria, contro le persone transessuali.

https://www.theguardian.com/commentisfree/2010/feb/01/julie-bindel-transphobia

Con tutto quello che anche solo la paginetta di wikipedia squaderna al suo attivo come attività, impegno pubblico e studi credo possiamo essere ragionevolmente certi che questa persona non covi in sé odio pregiudiziale nei confronti…

View original post 783 altre parole

30 gennaio 2017

Il diario del Family day

di admin @CostanzaMBlog

il blog di Costanza Miriano


comitato

Foto e notizie di un popolo colossale e straordinario che ha attraversato l’Italia per arrivare a Roma, con le proprie risorse e senza finanziamenti di alcun tipo, anzi beccandosi per la propria ostinazione a voler sempre testimoniare la verità senza compromessi e senza infingimenti l’irrisione quando non la violenza. Sono persone, donne, uomini, giovani, anziani, bambini che sono stati descritti con aggettivi dispregiativi: bigotti, medievali, retrogradi, ottusi. Sono invece la spina dorsale di questa Italia malandata, sono l’Italia migliore a cui il paese tutto, e i governanti in primis, dovrebbe rendere omaggio.

Questo è il diario continuamente aggiornato con i vostri video e le vostre foto di una girornata indimenticabile.

View original post 47 altre parole

27 gennaio 2017

Bret Easton Ellis vs femministe

di admin @CostanzaMBlog

bret_1

“Queste piagnucolose narcisiste utilizzano l’altissimo tono morale tipico dei social justice warriors, sempre fuori scala rispetto alle cose per cui si offendono. E si stanno trasformando in piccole naziste del linguaggio, con le loro regole di indignazione prefabbricata, invocando la censura ogni volta che qualcuno scrive, o dice, qualcosa che non aderisce completamente alla loro visione dell’universo”.

“Questa sinistra liberal che si auto-proclama femminista è diventata così iper-sensibile da essere ormai entrata in una fase culturale di autoritarismo. È qualcosa di così regressivo e lugubre da assomigliare terribilmente a un film di fantascienza distopica, ambientato in un mondo in cui è permesso un solo modo per esprimersi, in un clima di castrazione collettiva che avvolge tutta la società”.

Bret Easton Ellis

25 gennaio 2017

I cinque linguaggi dell’amore

di admin @CostanzaMBlog
img-20170120-wa0007-1
Teatro, musica e cabaret insieme per raccontare tutta la bellezza della vita in famiglia, tra risate, racconti di vita vissuta e riflessioni inspirate al testo I 5 linguaggi dell’amore di Gary Chapam, psichiatra americano che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo. Questo in poche parole lo spettacolo che da anni (siamo a quota 230 repliche) è portato in scena da una persona speciale, Pierluigi Bartolomei, romano doc, insegnante, preside dell’Istituto Elis, un po’ Brignano, un po’ Sordi, con una grande passione per il teatro e per la vita. Non perdetevelo.

17 gennaio 2017

Sulle spalle dei giganti. Le domande di oggi ai grandi di ieri

di admin @CostanzaMBlog
unnamed
Giovedì 19 gennaio, alle ore 21, presso la chiesa delle Stimmate a Largo di Torre Argentina, appuntamento con Franco Nembrini e Don Fabio Rosini per continuare ad interrogarci sulla nostra vita a partire dalle pagine dei grandi della letteratura e verificare se è veramente possibile stare sulle spalle dei giganti e da lì intravedere un orizzonte di senso per la nostra vita.

La riforma protestante, un uomo senza tradizione, un uomo senza libertà
E’ ancora possibile parlare di verità?

11 gennaio 2017

Guinzagli e corna. Un passo sulla fedeltà

di admin @CostanzaMBlog

15781435_10209556561365680_4734254827773430785_n

Nel terzo dei cinque passi di quest’anno, affronteremo il tema della fedeltà. In un mondo che fa della fluidità un punto di forza, e della precarietà un elemento di progresso, ha ancora senso parlare di fedeltà?
La fedeltà è sempre piú vista come un limite alla libertà personale, al libero arbitrio e alla fuga dall’ordinarietà e dalla noia. Eppure, in un epoca che sembra liberarci da ogni vincolo, siamo sempre piú controllati, rintracciabili e monitorati.

Queste solo alcune delle molte domande che rendono, a nostro avviso, particolarmente attuale anche il terzo Passo di questo nono ciclo di incontri.

Vi aspettiamo Venerdì 13 Gennaio 2017, presso la Chiesa di Santa Maria in Vallicella (Chiesa Nuova) in Piazza della Chiesa Nuova alle ore 21.00

18 dicembre 2016

Una vecchiaia vigorosa

di admin @CostanzaMBlog

quercia_secolare_nottoria_norcialavpidi Innocenza Laguri

Arrivo alla messa prefestiva di sabato 28 agosto portando in modo depresso il peso della mia età, come dice un lavoro sociologico che, come spesso (non sempre) scopre l’acqua calda: le persone sui settant’anni  si sentono vecchie quando arrivano gli acciacchi. Io arrivo a messa dopo aver iniziato una cura per combattere un’alta pressione agli occhi che mi ha causato mal di testa fastidioso e invalidante , cura cui sono arrivata a)autofacendomi una anamnesi  con l’aiuto del pc  b) rivolgendomi all’oculista. La cura mi rimbecillisce, dà un po’ di nausea e vertigini e si inserisce nell’esperienza depressiva del giorno precedente quando sono stata “ costretta” , sempre con tali sintomi, a vedere pure  la mia immagine nello specchio di un ottico (che ingrandisce, forse, rughe e occhiaie ) per il cambio occhiali.

13 dicembre 2016

“Questo Natale ad Aleppo avrà un altro profumo”

di admin @CostanzaMBlog

 

 

siria

“La città di Aleppo finalmente sta per essere completamente liberata e unificata dopo quattro lunghi anni di divisione e di morte seminata da diversi gruppi armati siriani e non”. La testimonianza diretta giunge a ZENIT da mons. Georges Abou Khazen, vicario apostolico di Aleppo per i cattolici di rito latino.

Mentre lui parla, di sottofondo è nitido il suono dei colpi di mortaio. Stavolta però, rispetto ai mesi scorsi, è un sibilo di speranza, giacché testimonia l’assedio da parte dell’esercito siriano nella parte orientale della città, fino a poche settimane fa una roccaforte dei gruppi cosiddetti “ribelli”.

continua a leggere su ZENIT

27 novembre 2016

Per la mia piccola Volpe

di admin @CostanzaMBlog

Piovono miracoli

Filippo è qui,
è vivo, in qualche modo,
è una presenza costante che non ci permette di crollare nella malinconia,
a volte è una sensazione quasi fisica.

Ma Filippo è anche altrove,
dove sono tanti bambini che lo hanno preceduto e seguito,
dove un giorno lo ritroveremo,
felice.

Non è solo per lui, quindi, ma sicuramente è grazie a lui,
che abbiamo organizzato il pomeriggio di domani (27 novembre).

Organizzato è una parola fuorviante, perché ancora non ho ben chiaro cosa faremo e come lo faremo.
Di sicuro ricorderemo Filippo e tutti i bambini che ci aspettano in questo “altrove”.

Per ricordare, quindi, ma anche per raccontarci che la vita può essere dura e difficile, ma è comunque un dono, e come tale è sempre magnifica, e starci dentro vale sempre la pena.

locandina-de-mari_27nov2016_def

27 novembre 2016 – ore 16:30
Teatro De Rossi
via Cesare Baronio 127, Roma

Vi aspettiamo.

View original post

22 novembre 2016

Sulle spalle dei giganti. Le domande di oggi ai grandi di ieri

di admin @CostanzaMBlog
unnamed
Giovedì 24 novembre, alle ore 21, nel teatro della parrocchia di San Bernardo da Chiaravalle, appuntamento con Franco Nembrini e Don Fabio Pieroni per continuare ad interrogarci sulla nostra vita a partire dalle pagine dei grandi della letteratura.
Troppe volte la storia e la letteratura sono considerate qualcosa di estraneo, un fardello da gettar via appena usciti dall’età scolare. Eppure scopriamo continuamente che le nostre domande quotidiane sono le stesse degli uomini che ci hanno preceduto, e che la loro fatica ci consegna un’ipotesi di risposta da cui è possibile partire per lanciarci nella vita.
Con l’aiuto di Franco Nembrini vogliamo confrontarci con le pagine di Petrarca, Ariosto, Foscolo, Manzoni, Leopardi, Baudelaire, Verga, Montale, Buzzati, Guareschi e tanti altri autori per verificare se è possibile stare sulle spalle dei giganti e da lì intravedere un orizzonte di senso per la nostra vita.
21 novembre 2016

Il Papa: “Aborto ed eutanasia false compassioni. I medici cattolici facciano obiezione”

di admin @CostanzaMBlog

Le parole di papa Francesco del 16 novembre 2014 su aborto, eutanasia e obiezione di coscienza.

fonte: vatican.va

il blog di Costanza Miriano

papa-francesco

Importante discorso del Papa all’Associazione Medici Cattolici Italiani, ricevuti ieri mattina in udienza nell’Aula Paolo VI, in Vaticano. Di seguito, il testo con le parole pronunciate da papa Francesco.

Non c’è dubbio che, ai nostri giorni, a motivo dei progressi scientifici e tecnici, sono notevolmente aumentate le possibilità di guarigione fisica; e tuttavia, per alcuni aspetti sembra diminuire la capacità di “prendersi cura” della persona, soprattutto quando è sofferente, fragile e indifesa. In effetti, le conquiste della scienza e della medicina possono contribuire al miglioramento della vita umana nella misura in cui non si allontanano dalla radice etica di tali discipline. Per questa ragione, voi medici cattolici vi impegnate a vivere la vostra professione come una missione umana e spirituale, come un vero e proprio apostolato laicale.

View original post 446 altre parole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: