Tre (delle 5) colonne su cui costruire il proprio edificio spirituale. E difenderlo

di Paola Belletti

Dieci capitoli, cinque pilastri, una cosa sola – sbam! – al centro di tutto. Anzi una Persona. Così posso offrirvi un assaggio del più recente libro di Costanza Miriano, Si salvi chi vuole. Manuale di imperfezione spirituale, edito da Sonzogno, uscito il 16 novembre, atteso da tanti.

Al centro non c’è lei eppure ce la figuriamo di continuo. Il suo profilo, magroetonico – naturalmente – si staglia netto nello schermo della mente fino a che non diventa tremulo a causa delle lacrime.

Sì, è commovente, ma fa anche parecchio ridere. Sono piacevoli ricreazioni, le sue, alla Santa Teresa d’Avila (anche lei patrona del libro!)

Di cosa parla?

No niente, di farsi monaci. Di avere una regola, di amare la propria croce, di uscire dalla nostra palude. Di decidere che fare della nostra vita. Di vivere da salvati. Ah! E di procurarsi un quaderno.Con copertina in cuoio per noi donne; per gli uomini invece vada per il retro del foglio della revisione auto. E su quello vergare il nostro progetto, attestare la nostra decisione e poi difenderla.

Continua a leggere “Tre (delle 5) colonne su cui costruire il proprio edificio spirituale. E difenderlo”

L’erba del vicino

Le 8 precauzioni per  difendere il tuo matrimonio dall’infedeltà

gig3

Precauzione 1: Compi scelte sagge.
Evita di trascorrere del tempo superfluo con qualcuno del sesso opposto. Ad esempio, se cerchi un allenatore personale in palestra, scegli una persona del tuo stesso sesso.

Precauzione 2: Condividi saggiamente.
Se un giorno ti rendi conto che stai condividendo con qualcuno segreti e intimità su di te e sul tuo matrimonio che non hai condiviso con il/la tuo/a sposo/a, è un segnale di allarme. Anche un legame emotivo con qualcuno, pur non arrivando a diventare sessuale, può danneggiare molto la relazione.

Continua a leggere “L’erba del vicino”

Le ragioni di un’atea pro-life

topic

di Kristine Kruszelnicki*

“Esiste davvero un ateo pro-life?”, ha chiesto Marco Rosaire Rossi nell’edizione di settembre/ottobre di The Humanist. “Cosa verrà dopo, gli agnostici del disegno intelligente? O i laici per la sharia?”.

Gli atei possono non avere un papa, ma agli occhi di molti c’è ancora un dogma a cui tutti loro devono aderire. Essere un ateo vuol dire sostenere l’aborto. Non fatelo e verrete denunciati come “segretamente religiosi”. Quando mi sono unita a un agnostico e a un ateo di Secular Pro-Life per un panel informativo alla Convenzione Atea Americana del 2012, un popolare blogger ateo ci ha accusati di aver “mentito sul fatto di essere atei”. Continua a leggere “Le ragioni di un’atea pro-life”

Una difesa dei cristiani a intermittenza

C_4_articolo_2059200_upiImagepp

di Marco Guerra  per IntelligoNews

L’Italia festeggia la liberazione di Meriam, giovane sudanese cristiana condannata a morte per apostasia. L’arrivo della donna e della sua famiglia qui – dove resterà un paio di giorni prima raggiungere gli Stati Uniti – è il risultato di una mobilitazione senza precedenti della diplomazia internazionale. Uno sforzo che l’Occidente ha compiuto anche in nome della libertà religiosa, e questo nel resto del mondo prosegue la persecuzione di milioni di cristiani costretti a rinnegare la loro fede o a non poterla professare pubblicamente, come denuncia a IntelligoNews Costanza Miriano, giornalista di Rai Vaticano e autrice di Sposati e sii sottomessa e Sposala e muori per lei, fino all’ultima opera Obbedire è meglio.

Allora, epilogo a lieto fine per Meriam. Possiamo dire che in questo caso l’Occidente ha fatto il suo dovere o mette semplicemente il cappello? Continua a leggere “Una difesa dei cristiani a intermittenza”