25 ottobre 2014

Solo Dio basta

di autori vari

FullSizeRender

Ogni volta che, tra mezzanotte e l’una, intravedo con la coda dell’occhio, il mio cellulare “illuminarsi”….cara dolce Costanza, penso a te. Perché quella lucina sei tu…è il tuo articolo finito e postato, e allora penso (da tua alleata): ‘forse ora, finalmente,vedrà di striscio il suo cuscino!!! E magari dormira’!’ Continua a leggere

24 ottobre 2014

La vita in ghiaccio

di Costanza Miriano

regina-nevi

di Costanza Miriano

Amiche ultratrentacinquenni senza figli, mi raccomando, congelate i vostri ovuli se sperate di concepire nel futuro. Ve lo consiglia l’esperto britannico di fecondazione in vitro, Paul Serhal, uno che sulla manipolazione della vita umana ha costruito la sua carriera, valutate voi se c’è da fidarsi. Certo non siete fortunate come le dipendenti delle aziende della Silicon Valley, a cui l’operazione viene finanziata dal datore di lavoro: ventimila dollari, un po’ di stimolazione ormonale, un po’ di devastazione fisica e psicologica, ma la carriera è salva.

Continua a leggere

23 ottobre 2014

Pari e dispari

di Costanza Miriano

funzione_dispari

Maria Gabriella Filippi (Zenit.org) 

“Il mondo ha le sue catechesi, che sono più potenti di quelle della Chiesa” e passano attraverso tanti canali che ci raccontano di un amore romantico, di una simbiosi di coppie perfette… “Ma è possibile amare per sempre un principe in pantofole e una principessa struccata?”, ha dichiarato Costanza Miriano durante l’incontro di martedì sera su “La speranza della famiglia. Il Sinodo e dopo”, tenutosi all’Università Europea di Roma. A margine dell’incontro, la giornalista e scrittrice ha risposto ad alcune domande di ZENIT in merito all’esito dell’assemblea sinodale – da lei seguita come giornalista per Rai Vaticano – e, in generale, alle problematiche odierne della famiglia.

Come ha vissuto queste settimane di Sinodo da giornalista e da madre di famiglia? Continua a leggere

22 ottobre 2014

Le urla in quell’aula: «Uccidete Asia Bibi!»

di admin

asia-bibi-islam-ashiq-masih

Non c’è uno straccio di prova contro Asia Bibi. Eppure il giudice dell’Alta corte di Lahore ha confermato la condanna a morte ai danni di questa madre cattolica di cinque figli, in prigione da oltre cinque anni, per blasfemia. Com’è possibile?

Una spiegazione la offre il marito di Asia Bibi, Ashiq Masih (nella foto sopra con due figlie), che quando il giudice Anwar Ul Haq ha pronunciato di nuovo la condanna a morte era presente in aula. Parlando con la ONG British Pakistani Christians, l’uomo rivela che «c’era anche un gran numero di imam e leader islamici che gridavano in continuazione: “Blasfemi!” e “Uccidetela!”». Continua a leggere

21 ottobre 2014

Contro la povertà

di emanuelefant

homeless01

 di Emanuele Fant

Gli inviti ad andare dai poveri hanno generato eserciti di volontari che accarezzano gli ex senzatetto e danno loro le caramelline, sentendosi in missione per conto del Signore. Dovrebbero sapere che il Signore si nasconde tra i poveri, non si sovrappone perfettamente a loro. La caccia al tesoro richiede ore, giornate, anni. Convivenza. Il povero va attraversato, come una palude melmosa. Va scrostato. I sentimenti che si devono provare approcciandolo sono il timore e il rispetto, non la leggerezza che genera i sorrisini. Non bisogna fermarsi alle soglie del povero, e dire: “Che carino, sembra il Signore!”.

Continua a leggere

20 ottobre 2014

C’è abbastanza luce, c’è abbastanza buio

di autori vari

Continua la pubblicazione degli articoli di presentazione de La Croce quotidiano in edicola e online dal 13 gennaio 2015

FullSizeRender

 

di Giovanni Marcotullio per La Croce

Che poi fin da subito, mesi prima che arrivassimo in edicola, già si erano scatenati tutti quanti: «Ma perché “La Croce”? Ma scegliamo un nome più laico, no?». E giù proposte, sentenze, botte e insulti (dice che dare del “ciccione” a Mario sia una specie di teorema universale, va bene per argomentare qualunque tesi). Ora, non è che perché siamo un giornale pop vuol dire che qui è il bar dello sport e gli argomenti non contano, anzi… e allora proviamo a prendere sul serio le obiezioni. Dico io – ci sarà una ragione laica per chiamare un giornale “La Croce”? E che tipo di cultura potrà mai voler propalare? Prima ancora, ce l’ha una parola da dire sulla cultura, la croce? Continua a leggere

19 ottobre 2014

Una settimana intensa

di admin

Settimana ricca di appuntamenti da segnalare:

lunedì  20 ottobre due incontri di Costanza Miriano a Milano.

-L’associazione studentesca universitaria Unilab Unimi  ha invitatato la Prof.ssa Marilisa D’Amico e la Dott.ssa Costanza Miriano, per dialogare su un tema sempre attuale: la presenza delle donne nel mondo del lavoro. Come funziona oggi? Quali prospettive in termini legislativi?
Dove sta l’equilibrio fra famiglia e lavoro, per le donne?
Domani dalle ore 16.00 alle ore 18.00  Universutà  Statale Aula Crociera Alta – Unimi

-Alle 21 la Presentazione del libro “Obbedire è meglio” organizzata da Alleanza Cattolica, con Costanza Miriano e Roberto Marchesini, Psicologo e Psicoterapeuta al circolo al Teatro Rosetum Centro Francescano Culturale Artistico. Via Pisanello, 1 – 20146 MILANO. tel. 02 48707203

***

Martedì 21 ottobre a Roma:

-“La speranza della famiglia. Il Sinodo e dopo”
Conferenza all’Università Europea di Roma in presenza del card. Müller, di mons. Negri, di mons. Melina e della giornalista Costanza Miriano . Martedì 21 ottobre 2014, alle 18:45, all’Università Europea di Roma (via degli Aldobrandeschi 190) si terrà la tavola rotonda “La speranza della famiglia. Il Sinodo e dopo”, organizzata dai Circoli Culturali Giovanni Paolo II in collaborazione con Edizioni Ares.

***

Giovedì 23 ottobre due appuntamenti

-alle 18.30 nell’Aula Magna dell’Università Sapienza verrà messo in scena da Compagnia Bella lo spettacolo Uomovivo-Manalive, opera ispirata al celebre romanzo di Chesterton, che racconta le vicende e la surreale storia di Innocent Smith, l’uomo vivo che irrompe nella vita tiepida e annoiata di alcuni ospiti di una grigia pensione della periferia londinese.

-“Contro i falsi miti di progresso”   Mario Adinolfi, padre maurizio Botta, Costanza Miriano e Marco Scicchitano. Giovedì 23 ottobre alle ore 21.00 parrocchia san Bernardo di Chiaravalle Via degli Olivi n.180 – ROMA (Centocelle)

***

Domenica 26 ottobre ad Ancona

ancora  “Contro i falsi miti di progresso”   con Mario Adinolfi, padre maurizio Botta, Costanza Miriano e Marco Scicchitano ad Ancona, Palarossini dalle 11.15 alle 12.10

19 ottobre 2014

Synod14 – “Relatio Synodi” della III Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei Vescovi: “Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione”

di admin

s14

vatican.va

Introduzione

I Parte
L’ascolto: il contesto e le sfide sulla famiglia

Il contesto socio-culturale

La rilevanza della vita affettiva

La sfida per la pastorale

II Parte
Lo sguardo su Cristo: il Vangelo della famiglia

Lo sguardo su Gesù e la pedagogia divina nella storia della salvezza

La famiglia nel disegno salvifico di Dio

La famiglia nei documenti della Chiesa

L’indissolubilità del matrimonio e la gioia del vivere insieme

Verità e bellezza della famiglia e misericordia verso le famiglie ferite e fragili

III Parte
Il confronto: prospettive pastorali

Annunciare il Vangelo della famiglia oggi, nei vari contesti

Guidare i nubendi nel cammino di preparazione al matrimonio

Accompagnare i primi anni della vita matrimoniale

Cura pastorale di coloro che vivono nel matrimonio civile o in convivenze

Curare le famiglie ferite (separati, divorziati non risposati, divorziati risposati, famiglie monoparentali)

L’attenzione pastorale verso le persone con orientamento omosessuale

La trasmissione della vita e la sfida della denatalità

La sfida dell’educazione e il ruolo della famiglia nell’evangelizzazione

 Conclusione

Continua a leggere

18 ottobre 2014

Synod14 – Messaggio della III Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi, 18.10.2014

di admin

synod

vatican.va   –   (english version)

Noi Padri Sinodali riuniti a Roma intorno a Papa Francesco nell’Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi, ci rivolgiamo a tutte le famiglie dei diversi continenti e in particolare a quelle che seguono Cristo Via, Verità e Vita. Manifestiamo la nostra ammirazione e gratitudine per la testimonianza quotidiana che offrite a noi e al mondo con la vostra fedeltà, la vostra fede, speranza, e amore. Continua a leggere

17 ottobre 2014

Solido come un crocifisso

di paolopugni

 

FullSizeRender 

di Paolo Pugni

Si dice che san Francesco abbia così distinto il lavoro dall’arte: “chi lavora con le mani e la testa è un artigiano, chi lavora con mani, testa e cuore è un artista”.

Se è così allora sono artisti i fratelli Marchesi che il cuore lo mettono dentro al vetro per tirarci fuori il significato della vita, vale a dire il crocifisso.

Che dentro nella sua fragilità mostra in effetti tutto quello che c’è da capire. E quello che hanno deciso di fare è il segno che si può sempre andare oltre la superficie, oltre l’acqua che si scontra con il vento e ti sballotta nel dolore e nella confusione, puoi sempre immergerti sotto e lasciarti andare con dolcezza a cercare il senso. Continua a leggere

17 ottobre 2014

Voi conoscerete la verità e la verità vi farà liberi

di admin

Originally posted on Costanza Miriano:

ratzinger-wojtyla-papadalla LETTERA AI VESCOVI DELLA CHIESA CATTOLICA
SULLA CURA PASTORALE DELLE PERSONE OMOSESSUALI  –  CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE
  1° ottobre 1986.

Joseph Card. Ratzinger
Prefetto

+ Alberto Bovone
Arc. tit. di Cesarea di Numidia Segretario

 
 

[...] Nella « Dichiarazione su alcune questioni di etica sessuale », del 29 dicembre 1975, la Congregazione per la Dottrina della Fede aveva esplicitamente trattato questo problema. In quella Dichiarazione si sottolineava il dovere di cercare di comprendere la condizione omosessuale, e si osservava come la colpevolezza degli atti omosessuali dovesse essere giudicata con prudenza.

View original 1.621 altre parole

16 ottobre 2014

Ho pianto e ho pure riso molto

di autori vari

Continua la pubblicazione degli articoli di presentazione de La Croce quotidiano in edicola e online dal 13 gennaio 2015

ludo

di Paola Belletti per la Croce

Sono andata a confessarmi. Cerco di farlo almeno una volta al mese. Desidererei farlo di più.
Ho scelto il Santuario vicino a casa, un bel santuario mariano come ce ne sono molti in Italia.
Anche ad un’osservazione frettolosa ci si accorge subito che è frequentato, vivace.
Tutto un via vai di pullman, ondate di pellegrini over ’60, facciamo anche over ’75, che si dirigono acciaccati ma spediti dalla madonnina e poi al negozio di souvenir. Ma anche molti giovani, molte persone e basta insomma. Anche alla Messa delle 7.00 e a quella delle 9.00. nei giorni feriali. Continua a leggere

15 ottobre 2014

Credere fa la differenza

di Costanza Miriano

foto

di  Costanza Miriano

Qualche giorno fa un’amica che non vedevo da tanto  mi ha raccontato la morte della mamma. Non posso qui entrare nei dettagli della sua storia, è sempre difficile stare alla giusta distanza dalle vite degli altri, ma posso dire che, con la sua scelta di fedeltà a un marito che se ne era andato di casa, quella donna era sempre stata per me un segno di contraddizione. Continua a leggere

14 ottobre 2014

La trascurata questione delle coppie single

di emanuelefant

Dopo la notizia della donna di Londra che sposa se stessa riproponiamo il profetico  post di Emanuele Fant sulle coppie single.

married-single-other-season-1-episode-1

di Emanuele Fant

Discutiamo con passione di unioni e di diritti. Eppure non ho ancora sentito una parola riguardo alle coppie single.

Anche io non ne sapevo molto, poi ho  incontrato un ex compagno di liceo. Come stai, come non stai, appena accenno al mio matrimonio mette in chiaro che lui ha una storia differente, e non lo devo giudicare. Figuriamoci se lo giudico, anzi, lo invito a cena. Un solo dubbio: per quanti apparecchio?  Continua a leggere

13 ottobre 2014

Giustizia universale, misericordia personale

di Costanza Miriano

sinodo-panoramica

di Costanza Miriano

Lo so, mi ero ripromessa di non parlare del Sinodo. Prima di tutto perché una figlia della Chiesa – a cui pure l’autonomia di giudizio non è negata, anzi è incoraggiata – cerca di mettersi sempre in una disposizione di obbedienza, ma molto di più perché non sappiamo realmente di cosa parliamo, finché non ci sarà un documento definitivo (e non mi riferisco tanto a quello che verrà votato il 19 ottobre, perché anche quello sarà preparatorio del sinodo che si chiuderà tra un anno, seppure qualcosa di significativo ce lo dirà).

Continua a leggere

12 ottobre 2014

Succede oggi. Scuola Inclusiva

di admin

stock-footage-school-food-a-group-of-elementary-school-children-eating-a-school-lunch

di Sara Nevoso

Succede qualche giorno fa che il mio numero uno ha iniziato la scuola elementare.

Con gli occhi lucidi ho visto il mio piccoletto più grande, prendere posto ad un piccolo banco, gli occhi che vagavano veloci rimbalzando sulle pareti dell’aula, il dito sulle labbra come quando è nervoso (ma non vuole assolutamente darlo a vedere). Continua a leggere

11 ottobre 2014

Credere, obbedire, essere liberi

di admin

 

torino

di Berlicche

Una volta arrivavo più puntuale. Adesso sembra che ci sia sempre qualcosa che mi fa essere in ritardo. Deve essere la vecchiaia. E anche il fatto che, guidando mi sono trovato davanti prima l’auto del Torero Camomillo e poi quella di Zio Giuseppe, l’anziano con il cappello di Cuneo ritenuto responsabile del famoso Ingorgo Letale del ’93.
In ogni caso, anche se quando alla fine sono giunto alla sala la conferenza di Costanza Miriano doveva ancora iniziare, tra saluti e acquisto in loco dell’ultimo libro (mancava!) io sono uno di quelli che rimangono in piedi. La sala è strapiena.

continua a leggere su berlicche.wordpress.com

10 ottobre 2014

Le donne hanno ormai tutti diritti, le madri no

di Costanza Miriano

foto (1)

di Marta Rovagna  per donnaeuropa

Costanza Miriano, perugina e giornalista Rai da 20 anni, prima al Tg3 oggi a Rai Vaticano, è madre di 4 figli e autrice di tre libri che sono diventati un caso editoriale per il loro successo: Sposati e sii sottomessa, Sposala e muori per lei e Obbedire è meglio, quest’ultimo uscito nel 2014. Laureata in lettere classiche, è approdata alla scuola di giornalismo di Perugia e ha iniziato una carriera di giornalista.

Ci parla della sua vita, delle sue scelte, del successo dei suoi libri, di chiara ispirazione cattolica (i tre titoli sono tutti citazioni bibliche) del suo modo di vedere il mondo maschile e femminile e di un certo tipo di femminismo, che lei proprio non riesce a sopportare.

 Quale messaggio vuoi fare passare con i tuoi libri?

O mamma mia, che domanda! Ci ho messo tre anni a scriverli, adesso in quattro righe mi viene un po’ difficile spiegarlo… diciamo che in sostanza avevo voglia di dire alle mie amiche – e in tutta sincerità ti dico, puoi crederci o no, che quando ho scritto il primo ero certa che lo avrebbero letto solo loro, e mia mamma, e mia sorella, e le cugine, che con le zie avrebbero potuto sfiorare quota cento copie – quello che aveva funzionato per me, per la mia esperienza, che mi aveva resa più felice. Continua a leggere