“Caro padre Aldo…” serata in favore della Fondazione San Rafael

Venerdì 16 febbraio ore 19, al Centro Internazionale, via Malpighi 2 a Roma serata in favore  della Fondazione San Rafael di padre Aldo Trento. Saranno presenti don Paolo Buscaroli, missionario in Paraguay, Franca Giansoldati vaticanista de Il Messaggero e Guido Tombari che presenterà  lo speciale di RAI3 “La lunga strada di padre Aldo” .

***

La verità più concreta e più censurata: la morte

Cari amici,
il Santo Padre il primo di febbraio, durante l’omelia in Santa Marta, ha ricordato a ciascuno la verità più concreta e più censurata: la morte. Mi ha molto confortato, perché quasi più nessuno ne parla né della drammaticità del cammino che percorriamo, volenti o nolenti, ogni giorno fino a raggiungere la meta dove lei ci aspetta.

Continua a leggere ““Caro padre Aldo…” serata in favore della Fondazione San Rafael”

Fumo negli occhi su una vicenda chiarissima

di Costanza Miriano

Siccome Avvenire sabato scorso ha pubblicato un articolo dal titolo “ecco la verità sul ritiro per gli omosessuali” di Torino, tornerei brevemente sull’argomento perché l’articolo non fa verità, anzi, getta fumo negli occhi su una vicenda chiarissima. A cominciare dal titolo: “ecco la verità”. Non è che il corso fosse un progetto di pastorale, fatto nell’ombra, con discrezione e umiltà, che qualcuno fissato con gli omosessuali è andato a scovare e ha poi raccontato in modo tendenzioso. E’ invece uscito un articolo sulla Stampa (io altrimenti non ne avrei saputo niente), non seguito da smentite, correzioni di tiro, precisazioni della Curia: l’articolo parlava di “fedeltà per coppie gay” (cit). Sono passati giorni e nessuno si è sentito in dovere di smentire. Quindi il senso del corso era esattamente quello. Non, come scrive Avvenire,  quello di insegnare la fedeltà all’amore di Dio, la fedeltà tout court.

Continua a leggere “Fumo negli occhi su una vicenda chiarissima”

Cosa c’è veramente in gioco?

di Mario Barbieri

Con le ultime esternazioni di Don Chiodi alla Gregoriana in relazione alla Humanae Vitae, con le ben note aperture di questo o quel sacerdote o addirittura Vescovo ai rapporti sessuali omoerotici (vedi la recente proposta di “Lezioni di fedeltà per coppie gay”), con la concessione dell’Eucarestia a coppie irregolari dal punto di vista Cristiano (lasciate a norme e normative dalla “libera interpretazione”), e altri temi vari apparentemente minori (es. il Matrimonio dei Consacrati), cioè in buona sostanza tutto ciò che gira attorno la sessualità dell’Uomo, cosa si sta mettendo in discussione e a cosa si sta dando una “nuova supremazia” che finisce per scardinare ciò che da secoli la Chiesa propone e invita a vivere, come vera strada per la felicità dell’uomo, la sua piena maturazione fisica, psicologica e non ultima spirituale?

Continua a leggere “Cosa c’è veramente in gioco?”

#HumanaeVitae vissuta. Parte quarta

La quarta parte delle lettere arrivate anche al blog .

Grazie a tutti, continuate a scrivere a  pav@pav.va, al professore che organizza il corso alla Gregoriana, Humberto Miguel Yanez (unigre.it) e al relatore cui abbiamo fatto riferimento chiodimaurizio@ gmail.com

Continua a leggere “#HumanaeVitae vissuta. Parte quarta”

Lettera aperta di padre Maurizio Botta a Mario Adinolfi

Riceviamo da padre Maurizio Botta

Caro Mario,

tu ormai un po’ mi conosci, sai che come sacerdote desidero al di sopra di tutto che le persone trovino Gesù e quando la loro coscienza non è rettamente formata esulto nel vedere che accettino di aprirsi e confrontarsi con il Catechismo e il Magistero della Chiesa. Questo mi accade ogni giorno ed è per me prezioso. Mi stanno a cuore tutte le anime e la fede in Gesù verrà sempre prima di ogni appartenenza politica. Per questo motivo ho sempre il timore che qualcuno possa, seppur per un lecito e doveroso ragionamento politico, rimanere scandalizzato.

Continua a leggere “Lettera aperta di padre Maurizio Botta a Mario Adinolfi”

Una scuola inclusiva ma non mediocre

di Costanza Miriano  per la Verità

L’isteria collettiva del politicamente correttissimo ormai fa sì che se una preside, Clara Rech del liceo classico Visconti di Roma per fare nomi e cognomi, scrive su un documento di autovalutazione un dato oggettivo – “non ci sono alunni stranieri né disabili” – scatta la damnatio su Repubblica, il ministro Fedeli minaccia provvedimenti perché la scuola deve essere inclusiva e multitutto.

Continua a leggere “Una scuola inclusiva ma non mediocre”