Come bambini soli

HanselGretel

di Joseph Ratzinger

Se un bambino si dovesse avventurare da solo nella notte buia attraverso un bosco, avrebbe paura anche se gli si dimostrasse centinaia di volte che non c’è alcun pericolo. Egli non ha paura di qualcosa di determinato, a cui si può dare un nome, ma nel buio sperimenta l’insicurezza, la condizione di orfano, il carattere sinistro dell’esistenza in sé. Solo una voce umana potrebbe consolarlo; solo la mano di una persona cara potrebbe cacciare via come un brutto sogno l’angoscia. C’è un’angoscia – quella vera, annidata nella profondità delle nostre solitudini – che non può essere superata mediante la ragione, ma solo con la presenza di una persona che ci ama. Quest’angoscia infatti non ha un oggetto a cui si possa dare un nome, ma è solo l’espressione terribile della nostra solitudine ultima.
Una cosa è certa: c’è una notte nel cui buio abbandono non penetra alcuna parola di conforto, una porta che noi dobbiamo oltrepassare in solitudine assoluta: la porta della morte. Tutta l’angoscia di questo mondo è in ultima analisi l’angoscia provocata da questa solitudine. Questo sta a significare però che anche nella notte estrema nella quale non penetra alcuna parola, nella quale noi tutti siamo come bambini cacciati via, piangenti, si dà una voce che ci chiama, una mano che ci prende e ci conduce. La solitudine insuperabile dell’uomo è stata superata dal momento che Egli si è trovato in essa.

fonte: 30giorni.it

7 pensieri su “Come bambini soli

  1. Pingback: Come bambini soli – mondidascoprire

  2. Francesca Solaroli

    BELLISSIMO! Forse sarà anche vero che Benedetto XVI non è stato un gran comunicatore immediato ma per chi ha avuto la fortuna di soffermarsi è stato l’espressione compiuta che non sapeva esprimere con tanta chiarezza. …

  3. Tomas

    Grande e salutare riflessione: affrontare questa radicale solitudine ci aiuta ad affrontare la vita terrena secondo verità e giustizia.

  4. Guarneri maria pia

    Una grande profondita’ nello spiegare l’angoscia profonda della morte e motivarne la fonte di salvezza! Stupendo

I commenti sono chiusi.