Cronaca di un sabato speciale

di autori vari

selfie

di Benedetta Frigerio

«Novità?». «Oh Benny domani a Roma c’è la Madonna sul palco». Io e la Raffa Frullone ci parliamo così, le nostre news preferite, quelle per cui «dobbiamo assolutamente sentirci», sono quelle che riguardano i Piani Alti. I nostri colleghi giornalisti danno in escandescenza se lo spread diminuisce o se Corona viene condannato. Noi invece siamo deformate da un’appartenenza che è più che casa nostra e puntiamo a un’altra Storia. «Raffa, Raffa lo sapevo, è solo con Lei che possiamo vincere. Questo farà infuriare il diavolo». Lei ormai è abituata, ma il vivavoce della mia auto è talmente alto che l’autista della macchina a fianco mi guarda come fossi pazza. E forse non ha tutti i torti.

Comincia così la gioia che da venerdì sera mi trapassa il cuore in attesa di partire con quindici giovani amici per la manifestazione Romana in difesa della Famiglia e contro il ddl Cirnnà e l’ideologia gender. Sono certa che sia cosa voluta e in attesa del bel giorno fatico a dormire come una liceale la notte prima della gita. Sveglia alle 5, rosario mattutino di fronte alla statua della Madonna colpita dalle prime luci dell’alba. Colazione, doccia e mi vesto mentre mia madre agitata dal letto fa mille domande e solleva dubbi. Partirà anche lei ma più tardi in treno. «Mamma stai serena che il Signore è dalla nostra». Sono certa. Ritrovo in piazzale Corvetto a Milano alle 7.30. Si parte per Roma. Sulle macchine si recita il Rosario. Finito apro a caso il Messale e leggo: «Il Re dei cieli nato da una Vergine oggi è venuto fra noi a richiamare al cielo l’uomo che aveva peccato. La schiera degli angeli gioisce perché la stirpe umana ha ritrovato l’eterna giovinezza».

Dopo sette ore di viaggio, in cui l’attesa speranzosa domina, Roma ci accoglie con un cielo letteralmente diviso a metà: a sinistra il grigio e il temporale, a destra il cielo azzurro e un sole accecante. Mi viene in mente la battaglia in corso fra Maria e il diavolo per la conquista delle anime: «È in corso un grande combattimento tra mio Figlio e satana. La posta in gioco sono le anime degli uomini» (messaggio Medjugorje 02.08.1981). Battaglia che si gioca sulla famiglia, come ha confessato suor Lucia di Fatima al cardinal Caffarra nell’intervista rilasciata a Tempi. Scesi dalla macchina il cielo si apre. Proprio vicino al parcheggio scopro che ci sono i mie fratelli, Luca, papà di 4 figli, e Alberto, novello sacerdote. Insieme a loro ci sono altri amici padovani e milanesi. In piazza trovo per caso anche la mamma. La famiglia Frigerio è tutta presente, tutta meno uno, quello grazie a cui sono qui e che ci ha insegnato a coltivare il gusto della lotta. So però che è dalla nostra. E so che si vedrà. Cammino e incontro alcuni amici dei Memores Domini.

Cerco di raggiungere la Raffa ma nulla, la piazza è sempre più piena e si fatica a muoversi. Nel frattempo ci raggiunge Gerardo, un amico di Cl di Pisa e recupero anche Maffo, per me un recente dono del cielo che ora mi spiega perché questa battaglia deve essere condotta da noi donne: «Non a caso a Medjugorje appare la Madonna proprio ora. Dio ci dà una donna, perché solo se la donna torna se stessa può ridonare all’uomo la sua identità». Di fianco a me ci sono anche gli amici di Carate Brianza, fra cui la famiglia della Mary e Ciccio che hanno deciso di venire rinunciando alle vacanze al mare per pagarsi il viaggio. Alle 15.30 cominciano gli interventi, ci sono tanti amici sul palco con cui si combatte da quasi due anni. Parlano forte e chiaro. La verità risuona in una piazza gremita e dilata il cuore, troppo spesso rinchiuso fra le quattro mura in cui soffochiamo ciò che ci è donato di sapere. Sono commossa. Mi viene in mente il Vangelo ambrosiano che Venerdì mattina mi ha confortata: «Guardatevi dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisia. Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Pertanto ciò che avrete detto nelle tenebre, sarà udito in piena luce; e ciò che avrete detto all’orecchio nelle stanze più interne, sarà annunziato sui tetti. A voi miei amici, dico: Non temete coloro che uccidono il corpo e dopo non possono far più nulla. Vi mostrerò invece chi dovete temere: temete Colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geenna. Sì, ve lo dico, temete Costui. Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio. Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non temete, voi valete più di molti passeri. Inoltre vi dico: Chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio; ma chi mi rinnegherà davanti agli uomini sarà rinnegato davanti agli angeli di Dio». Non sia mai.

Gli interventi sono precisi, profondi e calzanti, incentrati sulla bellezza della creazione, della differenza fra uomo e donna e su una legge dannosa e ideologica. Nessuna ipocrisia, ma tanta libertà, che questo popolo vivo non è stato spinto da nessuno a esserci. Chi è in piazza sa bene cosa fa. Non viene nascosta la presa di distanza della dirigenza di Cl e gli errori dei vescovi che condannano la buona battaglia. E la verità è così necessaria che non proviamo nessun imbarazzo: vero che io ne vado pazza, ma la verità anche più scomoda fa bene a tutti, sopratutto in carestia. Non cancella la gioia di esserci, se mai accresce la consapevolezza. Basta guardare le facce, coscienti di un dramma ma liete. Costanza parla della donna e dell’uomo come facendo un dipinto. Adinolfi descrivendo la violenza in atto contro i bambini, di contraccolpo fa capire che il silenzio sarebbe una grave omissione. Amato ricorda il don Giuss quando ci disse: «Mandateci in giro nudi ma non toglieteci la libertà di educazione». No, «non è una questione di fede, ma di ragione». Certo, ma non ci si vergogna nemmeno di dire quanto la legge divina coincida con quella naturale superandola. Kiko invoca lo spirito appoggiato a un grande crocifisso, una leggera brezza si solleva in mezzo a questo popolo che senza l’ordine dei vescovi o delle gerarchie misteriosamente vive! È il lavoro di 34 anni della Madonna a Medjugorje che in questi tempi bui sta ricostituendo il suo esercito? Sarà la storia a dirlo. Di certo tanti sono qui anche grazie a lei. Io di sicuro, e sono onorata di essere stata reclutata fra le sue fila per servirla. Kiko stesso lo ricorda: «L’esito politico non è noto, ma è in corso una battaglia escatologica che un cristiano ha il dovere di combattere». Ripete che se ne devono rendere conto anche i vescovi. Concordo: l’irenismo del dialogo, mentre il cielo è in guerra, rischia di confondere e acquietare facendo il gioco del Nemico.21013_485927294921727_8869826066694951602_n

Alle 17 circa, sul finire della manifestazione, scoppia un temporale violento. Come si è capito non credo al caso e mi dico che la battaglia contro il peccato sia solo solo all’inizio. Eppure sotto la tempesta la gente si saluta ironizzando. E le file di bambini schiamazzano sotto le mantelle di cellofan colorate. Penso che non posso partire senza abbracciare la Raffa, la compagna scelta dal Signore per me così da rendermi possibile questa lotta per il Cielo a cui siamo chiamate. Lei è quella che spinge se tentenno e un abbraccio dopo tanta fatica ce lo meritiamo. Ci ostiniamo e dopo mille telefonate sotto l’acquazzone riusciamo a trovarci. C’è anche Cecilia, una ragazza formidabile, forte e umile che farà la storia. Credo che le nostre facce non siano mai state così belle. Ci scattiamo una foto con gli amici e scappiamo noi alle macchine e loro al treno.

In autogrill, completamente fradici ci si confessa la gioia di esserci stati e il dolore per gli amici che rinunciando alla lotta si perdono tanta grazia, tanta vita. E anche il tremore per la consapevolezza che Maria ci ha scelti e uniti per un grande compito, di apostoli e soldati. Ci impressiona il fatto che il comitato organizzatore si sia costituito proprio mentre noi eravamo a Medjugorje, il 2 giugno, quando la Madonna per la prima volta ha dato questo messaggio: «È GIUNTO IL TEMPO delle OPERE DI VERITA’, di mio Figlio. … Voi, figli miei, apostoli miei, vivete la vita terrena in comunione coi miei figli che non hanno conosciuto l’amore di mio Figlio, che non mi chiamano “Madre”, ma non abbiate paura di testimoniare la Verità. Se voi non temete e testimoniate con coraggio, la Verità trionferà miracolosamente».

Risaliamo in macchina. Rosario, tramonto e musica: “La notte che ho visto le stelle non volevo più dormire…” e ancora “Tu non credere mai all’imperatore anche se il suo nome è società anche se si chiama onore, anche se il suo nome è popolo anche se si chiama amore», canta Caludio Chieffo.

Arriviamo in piazzale Corvetto all’1.30 stanchi e felici. Prima di toccare il letto chiedo ancora al Signore un pensiero per me, perché mi dica come procedere. Apro la Bibbia e incredibilmente finisco su questo passaggio di san Paolo: “In realtà l’ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà e ogni ingiustizia di uomini che soffocano la verità nell’ingiustizia, poiché ciò che di Dio si può conoscere è loro manifesto; Dio stesso lo ha loro manifestato. Infatti, dalla creazione del mondo in poi, le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l’intelletto nelle opere da lui compiute, come la sua eterna potenza e divinità; essi sono dunque inescusabili…]Perciò Dio li ha abbandonati all’impurità secondo i desideri del loro cuore, sì da disonorare fra di loro i propri corpi, poiché essi hanno cambiato la verità di Dio con la menzogna e hanno venerato e adorato la creatura al posto del creatore, che è benedetto nei secoli. Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura.  Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s’addiceva al loro traviamento. E poiché hanno disprezzato la conoscenza di Dio, Dio li ha abbandonati in balìa d’una intelligenza depravata, sicché commettono ciò che è indegno, colmi come sono di ogni sorta di ingiustizia, di malvagità, di cupidigia, di malizia; pieni d’invidia, di omicidio, di rivalità, di frodi, di malignità; diffamatori, maldicenti, nemici di Dio, oltraggiosi, superbi, fanfaroni, ingegnosi nel male, ribelli ai genitori,insensati, sleali, senza cuore, senza misericordia. E pur conoscendo il giudizio di Dio, che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo continuano a farle, ma anche approvano chi le fa».

Penso che oggi sia il frutto di un miracolo. Mi addormento alle 2 più forte e pronta a combattere. La battaglia è solo all’inizio. E domai si ricomincia: preghiera, azione, e testimonianza dai “tetti”.

downloadfile-7

23 Responses to “Cronaca di un sabato speciale”

  1. “È il lavoro di 34 anni della Madonna a Medjugorje che in questi tempi bui sta ricostituendo il suo esercito? Sarà la storia a dirlo. Di certo tanti sono qui anche grazie a lei. Io di sicuro, e sono onorata di essere stata reclutata fra le sue fila per servirla. Kiko stesso lo ricorda: «L’esito politico non è noto, ma è in corso una battaglia escatologica che un cristiano ha il dovere di combattere».
    Ripete che se ne devono rendere conto anche i vescovi. Concordo: l’irenismo del dialogo, mentre il cielo è in guerra, rischia di confondere e acquietare facendo il gioco del Nemico.”

    “Non temete coloro che uccidono il corpo e dopo non possono far più nulla. Vi mostrerò invece chi dovete temere: temete Colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geenna.” E poi Rm 18-32

    Politicamente ed ecclesialmente scorrettissima! 🙂

  2. Bello Benedetta! Bello davvero il tuo scritto pieno di Spirito. Uno Spirito che non giudica nulla e nessuno ma che guarda al mondo con gli occhi limpidi di un bambino..una bambina. Quanto bene mi fa questa trasparenza dopo tutti i commenti pieni di polemica a volte gratuita che ho letto in questi giorni.Ti abbraccio

  3. Grazie per quest’articolo scritto col cuore e cosi’ profondamente vero! Grazie! E’ incoraggiante sapere che le polemiche e le tenebre sono vinte da persone con il cuore cosi grande! Uniti alla Madonna avanti andiamo!

  4. Ieri, durante una trasmissione radiofonica con Gandolfini e la Cirinnà come ospiti, è stata ovviamente evidenziata dalla senatrice la contrarietà dei vertici di Comunione e Liberazione alla manifestazione del 20 giugno; e anche quella di una parte dei vescovi. Confesso che mi sono sentita ferita nel profondo. Che Dio aiuti la Chiesa italiana, soprattutto chi la guida, ad ascoltare la Voce dello Spirito. Io la sento forte e chiara ogni volta che leggo la Bibbia e il Vangelo…e ho pregato sabato pomeriggio per tutti coloro che manifestavano in piazza per la famiglia. Un abbraccio forte a tutti gli amici di CL, partecipate ad un’esperienza di fede così bella che riuscirete a trovare la via giusta anche in questo momento.

    • Da che pulpiti vengono le prediche… 😉
      Comunque, è divertente sentire che la Cirinnà è ridotta a farsi scudo dei vertici di CL.

      • e non solo: pare che a qualcuno Adinolfi non sia troppo simpatico. da ieri il sito de”la Croce” è sotto hackeraggio….

        certo che se i buontemponi spendessero il loro tempo per far qualcosa di utile per gli altri anziché passar il tempo a creare problemi a coloro che non hanno le stesse idee, forse e dico forse, non succederebbe quel che è accaduto a Bologna dove una madre di due figli si è suicidata dopo che gli hanno tagliato il gas per morosità.

        Naturalmente non lo hanno fatto al centro sociale crash-militanti di social log-che avevano occupato una palazzina.
        a loro, il gas, anche se non pagano e non hanno nessuna intenzione di farlo, hanno riallacciato l’acqua.( “libero” oggi,24-6-2015 pag.17)

        ecco, raccontate questo alla cirinnà sui privilegi della famiglia….e pure all’indefinibile assessore vendoliano del comune di bologna, amelia frascaroli che le okkupazioni sono” fatti capaci di alimentare la solidarietà”

        ma non per la madre senza lavoro,sotto sfratto, con due bambini di 10 e 11 anni alla quale han tagliato tutte le forniture.
        eh,quando uno dice dela solidarietà dei sindaci,assessori e centri sociali di certe zone del paese…

      • Certo! E’ così che si fa: la Chiesa va attaccata e combattuta, ma va presa come alleata quando la si può chiamare in causa a sostegno delle proprie posizioni! Che tristezza!

      • @ senm_webmrs oddio: divertente proprio non direi

        • Cerco di vedere le cose come probabilmente le vedrebbe il cardinal Biffi, o almeno come l’idea che mi sono fatta del cardinal Biffi dalle sue Memorie…

  5. questa è religiosità del sentimento, altro che amore della verità

    l’obbedienza alla chiesa non può essere in alcun modo messa in discussione, al Papa e ai Vescovi, per quanto possa essere “emozionante” partecipare con questo spirito ad eventi di questo tipo

    • Per Luca: nessuno ha messo in dubbio l’obbedienza alla Chiesa. E’ stato fatta – e con lucidita’ – l’osservazione che ci sono stati vescovi che con coraggio, vista la moda dominante, hanno sostenuto la manifestazione per la famiglia, mentre altri hanno preferito assumere un atteggiamento piu’ diplomatico. Questo e’ evidente a tutti. In questo articolo inoltre non c’e’ affatto religiosita’ sentimentale, ma un entusiasmo autentico di chi ce la mette tutta per amare concretamente. E questo tentativo di rivolgere in Alto il proprio cuore non e’ roba da emozioni tipo Harmony sotto il cingolo pelvico, ma un tentativo mistico di tendere a Gesù. C’e’ da imparare, almeno per me. Evitiamo infine di dividerci tra noi o il nemico entrera’ attraverso le nostre crepe, ma andiamo avanti uniti…noi dobbiamo e vogliamo essere nel mondo, ma non del mondo e vogliamo essere per Cristo e cosi con il Suo aiuto persone migliori.

      • @luca: concordo al 100% con Lucia e aggiungo: aiutiamoci a maturare l’amore alla Chiesa come corpo di Cristo e non il clericalismo. Inoltre: in certis unitas, in dubiis libertas, in omnis charitas

  6. bellissimo!!! ah che respiro! pieno di forza e di grazia: così dobbiamo essere, mica tiepidini pavidi, beghini disposti a convivere pacificamente con le bugie pur di conservare la tranquillità! abbasso la tranquillità! grazie Benedetta, sei proprio benedetta da un Altro!

  7. 😉😊😄👍✌ 👑

  8. Benedetta, mentre ti ringrazio per questo articolo così fresco, bello e tutt’altro sentimentale ma profondamente religioso (mi colpisce molto il continuo richiamo alla preghiera e alla Parola, che intervalla la tua giornata dandole il senso di ogni azione), beh, ti ringrazio anche per tutti gli articoli che mi hanno accompagnato in questi mesi su Tempi.
    E’vero: siete belli .
    E sopratutto è vero – grazie che mi ci fai riflettere- che tanti che pure non ci hanno sostenuto sono dalla “nostra parte”, che siamo solo all’inizio, e che “si vedrà”. Non inveiamo contro vescovi o contro posizioni incomprensibili: tanti sono in buona fede e quindi presto o tardi, in un modo o nell’altro si uniranno a noi, in piazza,a casa o dove ci troviamo e coi mezzi che abbiamo.La verità “non imbarazza” , la verità si svela, si rende presente, e chi ha il cuore libero non può che riconoscerla, coi suoi tempi, certo. Quindi speriamo che “il dolore degli amici” che si sono persi tanto rinunciando a questo evento, si cambi in gioia per noi e per loro. E presto!

  9. “Ci impressiona il fatto che il comitato organizzatore si sia costituito proprio mentre noi eravamo a Medjugorje, il 2 giugno, quando la Madonna per la prima volta ha dato questo messaggio: «È GIUNTO IL TEMPO delle OPERE DI VERITA’, di mio Figlio. … Voi, figli miei, apostoli miei, vivete la vita terrena in comunione coi miei figli che non hanno conosciuto l’amore di mio Figlio, che non mi chiamano “Madre”, ma non abbiate paura di testimoniare la Verità. Se voi non temete e testimoniate con coraggio, la Verità trionferà miracolosamente»

    Non mi provo a metterci nessun commento….

Trackbacks

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: