Il veggente

di Costanza Miriano

Il veggente_Esec.indd

di Costanza Miriano

Finito di scrivere (dopo oltre un anno di fatica, non riuscendo a destreggiarsi prima tra le mille richieste, quel che restava di me, stremata, ha consegnato le bozze rilette per l’ultima volta il 29 gennaio, il giorno prima del Family Day) e di fissare la macchia di muffa sul muro con la mente persa nel vuoto – i miei giorni di down sono davvero down –, ricomincio a leggere, e lo faccio in modo del tutto casuale, perché è così che si scelgono i libri. Non seguendo l’ordine della pila secondo quello che mi ero prefissata comincio a sfogliare il libro di Saverio Gaeta Il veggente. Adesso che ci penso, probabilmente il motivo per cui l’ho letto per primo era il fatto che fosse proibito. Saverio infatti me lo ha dato in una busta chiusa qualche giorno prima che arrivasse in libreria, chiedendomi di non parlarne prima di un dato giorno e una data ora, e allora siccome sono una femmina curiosa, oltre che un essere umano attratto da ogni divieto come dal miele, mi ci sono tuffata.

Il libro racconta la storia di Bruno Cornacchiola, un protestante ignorante (di famiglia poverissima, era cresciuto praticamente da barbone) e focoso (durante la guerra civile aveva comprato in Spagna un pugnale e ci aveva fatto incidere a morte il Papa) al quale la Madonna è apparsa per molti anni alle Tre Fontane, nella zona sud est di Roma. Il libro è come tutti quelli di Saverio accuratissimo nella documentazione e pieno di notizie. Io, lo ammetto, ne sapevo pochissimo, pur essendo andata diverse volte alle Tre Fontane, ma più che altro attratta dalla chiesa costruita sul luogo del martirio di San Paolo, che è un meraviglioso e rarissimo esempio di romanico a Roma. Avevo un po’ snobbato la storia della Vergine della Rivelazione, forse perché ne ho sempre sentito parlare in giro con una punta di sufficienza.

Eppure le profezie che Bruno Cornacchiola riferiva sono state confermate dagli avvenimenti successivi, quelle riguardanti cose avvenute negli anni scorsi, mentre per quanto riguarda il futuro ci sarebbe poco da stare allegri e, visto che altre volte ha dimostrato di aver detto la verità, converrebbe ascoltare. Gli eventi tragici profetati hanno tutti a che fare con la sorte di noi credenti in Occidente, e con la generale apostasia. Non li riferisco qui perché non voglio rovinare la sorpresa a chi decidesse di leggere ma vorrei solo fare due osservazioni.cornacchiola5

Molti snobbano le apparizioni, in generale. Io non credo che tutti noi siamo san Luigi, che alla domanda “cosa faresti se ti dicessero che il mondo finisce fra un minuto?” rispose “continuerei a giocare a pallone”. Io personalmente cercherei di correre a fare penitenza, confessarmi, pregare. Per cui, se Dio ha deciso di mandarci degli avvertimenti va bene la prudenza, va bene non credere a tutto, ma non si può neanche non credere a niente. Chi siamo noi per giudicare Dio che decide di intervenire anche attivamente e apertamente nella storia? O, piuttosto, non crediamo davvero in Dio, nella sua presenza attiva e viva nel quotidiano, non crediamo che possa agire, e quindi, in fondo in fondo, non crediamo davvero che ci sia (e magari il cristianesimo per noi è piuttosto un sistema di valori che ci piace e al quale aderiamo con convinzione, ma da cui non ci lasciamo scombinare più di tanto?).

La seconda cosa che vorrei dire è che leggere di questi segni prodigiosi – che, come scrive Saverio, sono stati lasciati nell’oscurità di qualche polveroso archivio della Santa Sede – qualunque sarà il pronunciamento definitivo dell’autorità (questa riflessione è estensibile anche a Medjugorje) ha il merito indiscutibile di richiamarci a vivere sotto lo sguardo di Dio, in una dimensione di eternità della quale tendiamo a disinteressarci o almeno a dimenticarci nel quotidiano, tutti presi come siamo dai nostri affanni. Per questo ciò che mi rimane più di tutti, di queste righe, più ancora delle visioni francamente impressionanti e dei fiumi di sangue visti scorrere a San Pietro – che poi io ci lavorerei a due metri, se vogliamo proprio esser precisi – sono le parole della Madonna: Dio vede tutto di noi e del nostro cuore, ogni minimo battito di ciglio. E io ci credo alla misericordia, davvero, ma proprio per questo corro a chiedergliela e adesso vado subito a confessarmi.

 

 

26 commenti to “Il veggente”

  1. Questa è un’apparizione stupefacente. La Madonna è apparsa a Cornacchiola mentre stava scrivendo un libello contro di Lei. Non era l’innocente pastorello. Meditava di uccidere Pio XII! Gli disse che la pratica dei primi venerdì del mese fatta per compiacere la moglie l’aveva salvato. Questa è la Vergine della Conversione oltre che della Rivelazione. E’ vero che il Signore va dai peccatori ma per convertirli non per rafforzarli nelle loro convinzioni erronee e nel loro peccato (ogni riferimento è perfettamente voluto). E poiché mi hanno fracassato il fracassabile con la storia dei pubblicani e delle prostitute ricordo che il grande Cardinale Biffi diceva che è vero che i pubblicani e le prostitute ci passeranno avanti nel Regno dei Cieli ma non nell’esercizio delle loro funzioni!

  2. Signora Giusi, un attimo di pentimento ma e’ necessario e deve esserci e se concesso rubiamo il Paradiso approffittando della Misericordia di Dio. Lo fece il buon Ladrone sulla croce, si penti’ in tempo e’ fu Graziato, ma senza pentimento non c’e’ salvezza. Tempo di Quaresima, tempo favorevole per mettereci in amicizia con Dio. Paul

  3. “Chi siamo noi per giudicare Dio che decide di intervenire anche attivamente e apertamente nella storia? O, piuttosto, non crediamo davvero in Dio, nella sua presenza attiva e viva nel quotidiano, non crediamo che possa agire, e quindi, in fondo in fondo, non crediamo davvero che ci sia (e magari il cristianesimo per noi è piuttosto un sistema di valori che ci piace e al quale aderiamo con convinzione, ma da cui non ci lasciamo scombinare più di tanto?).”

    Già, chi siamo noi? (Si potrebbe anche parafrasare: “Ma chi credete che Egli sia?!”)

  4. “Gli eventi tragici profetati hanno tutti a che fare con la sorte di noi credenti in Occidente, e con la generale apostasia.”

    (ma che strano!)

  5. Certo che siamo in pericolo! Le leggi che vengono imposte contro La Legge di Dio secondo voi dove ci porteranno?
    Nel baratro. Ora vogliono imporre pure l’eutanasia! Aspettiamoci di tutto senza l’amore vero il mondo non può che finire.
    Aggrappati alla Fede e alla speranza Dio salverà
    Basta pensare chi c’è dietro queste leggi?

  6. Sempre piacevole leggerti Costanza!

  7. Anch’io Costanza mi ritrovo nelle tue parole: se il mondo finisse tra un minuto correrei, come te, a confessarmi. D’altronde a quel punto cosa importa di tutto il resto? Però credo anche che chi durante la vita non l’ha mai fatto o l’ha fatto male, senza crederci davvero non riesce a fare questa scelta che è determinante. Quindi ( e parlo sopratutto per me ovviamente) teniamoci stretti i Sacramenti che la Chiesa ci offre e “approfittiamone” finché si può 😉

  8. Bellissima la citazione del cardinal Biffi! Ci sarebbe da saper di più anche sulla Madonnina di Civitavecchia, quella che pianse lacrime di sangue ( gruppo AB per la precisone), perchè pare che ancora una volta la Madonna abbia messo in guardia da un castigo tremendo. Ma qui tutti tacciono, ancora non ci dicono cosa dice il terzo segreto di Fatima, ma pare che alla fine sia intuibile che ci meritiamo un bel castigo (ultima legge pro sodomia parla chiaro). Sappiamo però che a volte lre profezie di castighi non si sono compiute, perchè gli uomini hanno avuto il buon senso di far penitenza.
    Mentre noi continuiamo a pregare e a fare quaklche penitenza, sarebbe gradito che chi è vicario di Cristo si decida a fare la consacrazione al Cuore Immacolato di Maria, mi pare che i tempi siano propizi, parla meglio Putin, che qualsiasi cattolico che conta in occidente.

  9. Dai messaggi della Madonna della Riconciliazione (Ostina – Firenze).
    130° MESSAGGIO DELLA MADONNA La Madonna è apparsa alle ore 17,33 circa del giorno 22 febbraio 2015 vestita di azzurro ed ha detto:
    “Figlioli, vorrei che le vostre famiglie pregassero perché ogni preghiera è come un fiore che va verso Gesù ed io questi petali li manderò con le vostre preghiere a Lui. Ricordatevi: non pensate alle bandiere nere che possono sventolare sui vostri campanili, perché sempre con la preghiera e con il vostro amore io e mio figlio non possiamo permettere queste cose; quindi pregate, è l’unica cosa che noi vi chiediamo.

    La preghiera è una vostra necessità e sempre in questa necessità noi vi aiutiamo.”

    • Giusi,

      sono veramete sorpreso e compiaciuto di poter leggere in questi commenti una coerenza di soggetto mai vista prima in tanti altri articoli.

      Posso captare un sesto senso del nostro sentire di cristiani cattolici a percepire l’urgenza dei moniti della Madre Celeste di ritornare alla Casa del Padre con rapidita’ prima che sia troppo tardi rispetto a un castigo divino di apocalittiche proporzioni.

      L’Umanita’ ha ancora un po’ di tempo favorevole, opinione personale, per evitare la tragica sorte che ci aspetta: “nuovi cieli e nuova terra”.

      Il risultato dell’abbandono della Legge del Creatore: Noe’ chiude la porta dell’Arca chi e’ dentro e’ dentro e chi e’ fuori e’ fuori .

      Preghiamo fratelli, cordiali saluti, Paul

  10. Insomma la Madonna ci ha avvisati, poi ci avvisati di nuovo e poi ci ha stra avvisati. Non se ne possono fregare di meno pure in Vaticano! E allora che venga ‘sto fuoco e fiamme dal cielo e non se ne parli più!

    • Speriamo di non restarne sbruciacchiati! 😛

      Scherzi a parte a leggere l’Apocalisse, c’è veramente da tremare e augurarsi di essere tra coloro che sono giustificati dal Sangue dell’Agnello.

    • «Se non ascoltano Mosè e i profeti, anche se uno risorgesse dai morti, non saranno persuasi!»

  11. ci fosse uno che profetasse l’andamento dei corsi azionari! (e magari ci imbroccasse…)

    • Signor Giovanni, non e’ necessario cercare esperti di finanza globale.

      Se presta attenzione ai segni economici le indicano che a breve scadenza ci sara’ la bancarotta globale causata dalla disonesta’ e dai furti e peggio.

      Per noi il primo segno tangibile sara’ quando l’INPS non avra’ sufficienti risorse per erogare le pensioni.

      I nostri tempi e la loro economia sono gia’ scritti nella Sacra Srittura di 2000 anni fa.

      Se mi sbaglio, cortesemente me lo faccia sapere fra 24 mesi.

      Cordiali saluti, Paul

    • Giovanni credo che quelli li pilotino a seconda degli interessi di quei pochi sempre più ricchi. Vero che nulla è impossibile a Dio ma temo che siano da compiatire perché hanno già avuto la loro ricompensa.

  12. —essere cristiani, quelli che lo sono, o che dicono di esserlo, non è difficile, dal punto di vista del sapere quello che è bene e quello che è male, e non c’è bisogno di nessun Papa che lo spieghi passo passo,. Casomai difficile è fare il bene e non il male (cosiddetti). Se uno crede (credo io) sa anche che Dio non può non conoscere chi è sincero e chi è falso nel dire di cercare il bene. Quanto alle profezie…lasciamo perdere!

    • Alvise la profezia è un carisma sempre esistito sin dai primi tempi (basta leggere la Bibbia). Ci può essere il problema dei falsi profeti. Ma se le apparizioni sono riconosciute (come ad es. Fatima) c’è da dargli credito anche perché, a ben guardare, è già tutto nell’Apocalisse. La Madonna, essendo mamma, viene solo a ricordarcelo ma l’uomo è de coccio!

  13. Ciao !
    La cosa sorprendente è che al Cornacchiola tutto è capitato per aver accompagnato la moglie che stava praticando i primi nove venerdì del mese dedicati al Sacro Cuore !
    Saputa la notizia ( fonte Radio Maria ) appena ho potuto mi sono avvicinato a questa devozione efficacissima !!!

    • Certo! E non dimenticare un’altra devozione purtroppo dimenticata dalla Chiesa ma fondamentale perché chiesta a Suor Lucia dalla Madonna di Fatima: i primi cinque sabati del mese alla Madonna. Li facevano con tutti i sacri crismi i Francescani dell’Immacolata ma li hanno distrutti perché troppo cattolici. Anche il Movimento Sacerdotale Mariano li fa quello fondato da Don Stefano Gobbi, forse anche i monfortiani. In ogni caso procurandosi il librettino di Shalom si possono fare anche da soli attenendosi a quello che è prescritto. Basta anche stamparsi questo:

      http://www.preghiereagesuemaria.it/devozioni/i%205%20sabati%20della%20madonna.htm

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: