Cinque passi al mistero: Lingue biforcute

“Lingue biforcute” ovvero l’attitudine a giudicare e a condannare, la sofferenza per le maldicenze, la paura di essere oggetto di giudizi temerari; la realtà del giudizio che formuliamo incessantemente su di noi, sugli altri e sulla realtà, in tutte le sue dimensioni, interiori ed esteriori.

Vi aspettiamo

venerdì 21 febbraio 2020

a Santa Maria in Vallicella (Chiesa Nuova)

a Roma alle 21.00

 

I “Cinque passi al Mistero”, sono un ciclo di catechesi per giovani e adulti, che si svolge ormai da dieci anni presso la parrocchia S. Maria in Vallicella – Chiesa Nuova di Roma
Lo spirito è volutamente quello di mettersi in dialogo con le persone che si sentono più lontane dalla Chiesa, offrendo loro una spiegazione pacata di quelle che sono le ragioni della fede su vari argomenti.
Sono i giovani dell’Oratorio a segnalare i temi di frontiera, quelli più “caldi” e che magari tengono più lontane le persone.
Il metodo è sempre lo stesso: una introduzione di mezz’ora esatta,  a cui seguono le domande scritte presentate in forma anonima ed estratte a caso.
Si rinnova così una tradizione nata fin dal XVII secolo. I discepoli di San Filippo Neri, infatti, si confrontavano con la società e con la cultura dell’epoca, mostrando la validità della prospettiva della fede a coloro che erano aperti a comprenderla, in un’epoca nella quale già si manifestavano gli albori dell’età moderna.
Oggi abbiamo lo stesso atteggiamento.
I nostri incontri sono basati sul dialogo, e sulla possibilità di porre qualsiasi domanda tesa a capire meglio il pensiero della Chiesa. L’elemento dell’improvvisazione, del non preparare tutto, si ritrova anche nei sermoni di S. Filippo e nasce dall’atteggiamento spirituale di fidarsi della parola di Gesù: quando vi trascineranno nei tribunali – e questo tipo di incontri aperti un po’ lo sono – non preparate prima la vostra difesa perché sarà lo Spirito a suggerirvi cosa dire.
S. Filippo insegna a fidarsi di Gesù come un amico e un faro che illumina il cammino, senza paura di andare “disarmati” a spiegare le proprie ragioni.
Sappiamo che c’è una grande sete di confronto.
E non è facile trovare spazi costituiti da un terzo di catechesi e due terzi di domande né persone disposte a mettersi in gioco senza sapere su cosa si verrà chiamati a rispondere.
Cerchiamo sempre di usare la ragione come strumento di dialogo che accomuna chi crede e chi non crede.
La Fede non umilia mai la ragione e rendere ragione della speranza che è in noi, come insegna la Parola, è l’unico mezzo per spegnere il livore che ostacola proprio l’uso di quella ragione in nome della quale si vuole mettere da parte la fede.

7 pensieri su “Cinque passi al mistero: Lingue biforcute

    1. stefdo64

      Penso che ormai il giudicare, il fare maldicenza, sia quasi diventato una sorta di sport da tavolino, un malcostume che non ha età .
      Siamo arrivato al punto che, anche i network televisivi fanno audience sui cosiddetti “reality show”, dove il leitmotiv è il denigrare, la violenza verbale .
      Che tristezza, la ns società di è abbrutita a tal punto, di arrivare a queste bassezze .

  1. Franco

    Si potrebbe cominciare mettendo in pratica il principo: se di una persona non puoi dire bene taci. Saremmo già a metà strada. Buon cammino a tutti

  2. Alessandro

    @Thelonius

    scusa se ti rispondo di qua a proposito del post riguardante la delicata questione del celibato sacerdotale (i commenti là sono chiusi), ti ringrazio per il cortese apprezzamento, un caro saluto!

  3. Lilliana

    Vorrei tanto ascoltarla questa catechesi. Purtroppo sono lontana. Se si riesce in qualche modo ti ringrazio anticipatamente. Con affetto , Lilliana

I commenti sono chiusi.