Il Sacro Manto di San Giuseppe, una preghiera potente, una reliquia quasi sconosciuta

di Costanza Miriano

Tra tutti i miliardi di uomini che sono passati e passeranno su questa terra, Dio ha scelto Giuseppe per fare da padre a suo figlio nella vita terrena, e già questo ci dovrebbe bastare per provare a immaginarne le qualità. L’altra cosa che mi fa impazzire di lui è il silenzio. Cioè, stava facendo il padre a Dio, poteva dire un sacco di cose. Io mi sarei vantata a mille, avrei messo i manifesti, avrei rilasciato dichiarazioni, pareri, pensieri, opinioni. Lui niente, manco una parola. Lui faceva e basta, nel silenzio. Ha accettato l’incomprensibile, si è fidato di Dio che gli ha, apparentemente, “tolto” l’unica cosa che desiderava, la sua bellissima sposa, per restituirgliela in un modo nuovo. Non secondo i suoi desideri, non per sé, ma per tutti noi. E’ l’uomo fecondo per eccellenza, è l’uomo che muore per dare la vita, è il vero sposo, è il vero padre a cui i nostri sposi e padri cercano di somigliare. Io lo amo!

Continua a leggere “Il Sacro Manto di San Giuseppe, una preghiera potente, una reliquia quasi sconosciuta”

Gesù lo incontriamo camminando

di Costanza Miriano

Quello che segue è il link dal quale potete ascoltare la catechesi dell’incontro mensile ai Santi Quattro (ogni primo lunedì del mese, alle 20: il prossimo il 4 novembre). Questo mese è venuto don Dario Criscuoli, e pur essendo arrivata all’incontro sull’orlo dello svenimento da sonno, quando ha iniziato a parlare avrei voluto che non finisse mai (e sì che è durato…).

Per chi non lo sapesse, don Dario, da poco responsabile della pastorale familiare della diocesi di Roma, si è trasferito dalla parrocchia di Sant’Alfonso a Prima Porta, a santa Anastasia al Palatino, la chiesa dove c’è l’adorazione perpetua giorno e notte ininterrotta dal 2000, e che custodisce il vero sacro manto di san Giuseppe e un pezzo del velo di Maria. Ieri c’era un folto gruppo di suoi ex-parrocchiani che hanno attraversato la città, peraltro a un orario scomodissimo, per venire ad ascoltarlo, segno che quando uno semina amore, ne raccoglie a manciate.

Continua a leggere “Gesù lo incontriamo camminando”