Parla Peter Singer, guru dell’aborto eugenetico e dell’infanticidio

di admin @CostanzaMBlog

il blog di Costanza Miriano

peter-singer-014

di Giulio Meotti    Il Foglio  11 marzo 2008

Una mattina di aprile del 1999, decine di disabili manifestarono davanti all’ingresso della Nassau Hall, all’Università di Princeton. Quel giorno il filosofo Peter Singer avrebbe assunto la direzione della cattedra di bioetica più prestigiosa al mondo. Sylvia Nasar sul New York Times aveva appena paragonato il suo ingaggio a quello di Bertrand Russel al City College di New York. Quel giorno i disabili dell’organizzazione Not Dead Yet scandivano il loro oltraggio contro il nuovo Jeremy Bentham, lo chiamavano “l’uomo più pericoloso del mondo”. L’ateo pro life Nat Hentoff nei suoi editoriali chiedeva all’università di cacciare quel “professore dell’infanticidio”. Diane Coleman, la fondatrice di Not yet dead che aveva per anni manifestato contro Jack Kevorkian fuori dai tribunali, ha scagliato un nuovo anatema contro Singer : “Nessuno deve dimostrare di essere persona”.

View original post 3.912 altre parole

9 commenti to “Parla Peter Singer, guru dell’aborto eugenetico e dell’infanticidio”

  1. Buona sera Sig.ra Costanza Miriano le ho allegato un file su un tema caldo che oggi stesso ne hanno parlato in radio con un’intervista semicompleta fattami ma come spesso accade con la verità inascoltata. Nonostante le tante testimonianze, anche a convegni che rilascio,(oltre a lettere libri,scritti a difesa di Eluana) , papa’ Beppino presente, viene sempre interrotta e senza risposta la mia testimonianza sul l’ultimo testamento di Eluana, da disabile. Oggi a Verona nelle piazze, domani avrà il suo seguito Giusto dare un’alternativa a chi non sa che una reazione importante di questi pz in minima coscienza è di importanza fondamentale. Spero sia di interesse Antonella d.sa vian

  2. Terrificante

  3. O.T. Vi supplico di pregare per D., mamma da pochi giorni, che questo pomeriggio ha inspiegabilmente tentato il suicidio, e per la sua famiglia

    • Proprio perchè mamma da pochi giorni, non è affatto inspiegabile.
      Preghiere assicurate e un abbraccio.
      Soprattutto a D., statele vicino e non fatela mai sentire sola! Questo è un momento che può essere meraviglioso come un incubo.

  4. “Tutti noi non siamo responsabili solo di quello che facciamo, ma anche di quello che avremmo potuto impedire o che abbiamo deciso di non fare”.

    Potrebbe essere stato scritto da un “vero” cattolico!
    A parte che scrivere è facile, basta scrivere!

  5. Ciao cara Costanza sono Mary di Torino la mamma di Ilaria. Questo articolo a tratti e’ stato davvero difficile da leggere x me…l’condivisione che mi sento di fare e’ il dolce riposo del mio meraviglioso angelo…spero di riuscire ad allegare la foto di Ilaria.la sua delicatezza e’ la risposta a tanta inumanità…esiste una sola grande disabilità…il non-amore: https://m.facebook.com/lucchitto.mary/posts/10206232415317671?comment_id=10206243451113559&offset=0&total_comments=32&src=email_notif

  6. “Salve Regina, Mater misericodiae…”
    Suggerisco di leggere la vita di Sant’Ermanno il contratto, autore dell’inno di cui sopra, tanto per “purificarsi” dalla lettura di questo articolo.

  7. Penso solo una cosa: queste parole sono di Satana in persona… bisogna solo pregare affinchè l’anima di questo uomo venga liberata…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: